Che cos’è la collazione ereditaria?

Collazione ereditaria: in altre parole, la restituzione alla massa ereditaria dei beni donati. Ecco a cosa stare attenti.

La collazione ereditaria è un istituto relativo alla divisione ereditaria ed ha lo scopo di individuare esattamente la massa ereditaria da dividere, che prende in considerazione anche i beni che vi sono usciti per effetto di donazioni fatte in vita dal defunto.

Con la collazione ereditaria, chi come figli, discendenti e coniuge ha ricevuto dei beni per donazione, ha altresì l’obbligo di conferire nell’asse ereditario quanto ricevuto, al fine di formare le porzioni.

Per tali motivi, possiamo dire che la collazione ereditaria è l’atto con cui gli eredi – i figli, i loro discendenti e il coniuge – del defunto conferiscono alla massa ereditaria, da intendersi come l’insieme dei beni che saranno oggetto di eredità, tutti i beni mobili e immobili ricevuti a titolo di donazione dal defunto quando questi era in vita.

Le donazioni fatte dal defunto quando era ancora in vita possono incidere, sia sul complesso dei beni lasciati dal defunto, sia sull’entità delle porzioni di beni spettanti a ciascuno degli eredi. Ciò implica che con la collazione ereditaria, la Legge vuole ripristinare, a favore dei parenti più stretti del defunto, l’uguaglianza di trattamento nella ripartizione del patrimonio ereditario.

In altre parole, la collazione ereditaria comporta un aumento della massa ereditaria che sarà composta da tutti i beni che appartenevano al defunto al tempo della morte ma anche dai beni donati dal defunto finché era ancora in vita.

Hai bisogno di maggiori informazioni sulla Collazione ereditaria?

Quand’è che la collazione non ha luogo? E a cosa bisogna prestare attenzione in tal caso?

Alla luce di quanto specificato, la collazione ereditaria identifica nella massa ereditaria sia i beni che appartenevano al defunto al tempo della morte, sia quelli donati dal defunto finché era in vita. Questo mette molto in discussione la procedura di successione ma non è sempre detto che avvenga una reale collazione ereditaria.

La collazione ereditaria non ha luogo quando il defunto ha dispensato dall’obbligo di collazione od imputazione il soggetto che ha ricevuto la donazione. In questo caso, la successione e la divisione si svolgono come se il bene oggetto di donazione dispensata non fosse mai stato presente nella successione.

Naturalmente la dispensa è valida ed efficace solo nei limiti della quota disponibile. Restano ferme le norme sull’intangibilità della legittima e ciò significa che anche se non soggetto a collazione od imputazione il valore del bene dovrà essere pur sempre conteggiato con una riunione fittizia dei beni per conoscere se la concessa dispensa da collazione od imputazione ne copre il valore, e in che misura il bene donato influisce per la determinazione delle quote di legittima e disponibile.

Inoltre, bisogna aggiungere anche che esistono alcune donazioni che non sono soggette per legge a collazione ereditaria. Esse sono:

  • le donazioni di modico valore a favore del coniuge
  • le spese per il mantenimento e l’educazione dei figli
  • le spese sostenute per malattia
  • le spese ordinarie fatte per abbigliamento o per nozze
  • tutte le spese ordinarie sostenute per l’istruzione
Post recenti
Contattaci

Compila il form per richiedere informazioni.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt